Ci pensi mai …

Ci pensi mai che adesso qualcuno a New York sta camminando a Central Park? Non rispondi perché stai dormendo, ti guardo, dormi in un modo meraviglioso, forse un giorno te lo dirò, ma credo sia ancora presto, sarebbe scontato, pensa che c’è gente che a quest’ora sta camminando per le strade di Barcellona.

Chissà quanti passi hanno fatto i tuoi piedi, hai dei piedi carini, li guardo, in questo momento sono fuori dalle lenzuola, hai un modo molto romantico di scoprirti i piedi quando è caldo, forse un giorno te lo dirò, mentre penso alla mia prima macchina, bianca, seconda mano, una vecchia Peugeot.

Chissà se hai preso la patente subito, diciottenne dico, hai un modo molto bello di pensare, forse un giorno ti chiederò di spiegarmi perché tra il dire e il fare c’è sempre di mezzo il mare, sorriderai con il tuo ironico modo di sorridere, sai, quando sorridi sembri un’attrice enfatica, nel senso che anche se non segui alla lettera il copione, e aggiungo fortunatamente, le tue performance sono formidabili.

Ci pensi mai che in questo momento tantissimi scrittori stanno scrivendo la prima bozza del loro primo romanzo? O che qualche poeta troverà il verso giusto da versare sulla pagina nel momento giusto? Non puoi rispondermi perché stai dormendo, ovvio, però hai un modo davvero interessante di sognare, almeno credo che tu stia sognando, perché ogni tanto muovi la mano, impercettibilmente certo, ma la muovi.

Ci pensi mai che io, sono qui, con tutti questi pensieri casuali, soltanto perché noi siamo un caso capitato per caso? Certo, eravamo nel posto buono nel momento migliore, ma stai dormendo e non ti voglio svegliare con queste cazzate.

Mi sembra giusto, dico noi, sembriamo una cosa giusta?

E intanto a NYC c’è gente che passeggia a Central Park e pensa a qualcos’altro.

Ma tu, e aggiungo fortunatamente, sei qui.

(Gianluca Nadalini)

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *