Categorie
Poesie nell'angolo

Nel cuore di Bologna …

Nel cuore di Bologna.Incredibile.

Noi, due “estranei”, la pioggia, gli usi e i costumi, gli ombrelli quasi uguali.

È differente l’amore oggi.

Oggi, il tuono e il lampo.

Incredibile umidità di sguardi.

Bianco o nero? Sfumatura o decisione?

Regaliamo al ritardo un po’ del nostro tempo perduto?

Ieri sera mi sono bruciato un dito togliendo una pizza dal forno.

Capita.

È successo anche a te? 

Sorridi … Siamo estranei consenzienti.

Vorrei controbattere il tuo sbattere di ciglia.

Sei una bella donna.

A me interessa di più la donna che sei.

“Avances”, mi interrogo su quale decisione sbagliare ancora.

Voglio sbagliare sempre, però vorrei correggere le traiettorie delle nostre strade.

Hai presente quando ti senti inadeguato?

Sì.

Ecco … Dimmi dove potremmo andare a coprirci di noi, dimmi che la pioggia è solo una casualità, dimmi che vuoi qualcosa da me.

Nel cuore della tua pancia.

Bologna si divide in due.

Continuiamo a incrociarci ma non ci scontriamo mai.

Credo che la tua nudità potrebbe essere un’occasione per vestirci della nostra pelle.

Potremmo andare in qualsiasi parte del mondo, ma le promesse hanno gambe troppo corte, come le bugie di assestamento.

Luca, lo sai che non posso amarti.

Dimmi qualcosa di diverso …

Non posso.

La tua coerenza è disarmante.

Un rimprovero?

No amica mia … Soltanto un altro giorno senza di noi.

Non essere stupido.

Perché no?

Perché!

No.

(Gianluca Nadalini)
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *