Categorie
Poesie nell'angolo

Perché …

Perché del mio respiro, adesso, tra l’ossigeno che ci separa e il giorno che ancora dorme, c’è un momento che custodisce l’attimo del nostro risveglio. Esattamente su questo letto, distanti qualche centimetro, corpi contro sogni, pensieri contro corpi, spalla contro labbra. Appoggiare il silenzio sulla tua schiena, ascoltare il mio dito sotto ai tuoi brividi … C’è un momento che ci separa e uno che ci unisce.
Scusami, sono egoista del tuo risveglio …

Ma tu ancora dormi e per fortuna non lo sai. 
(Gianluca Nadalini)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *